martedì 4 luglio 2017

Notte stellata


Notte stellata

Vincent Van Gogh, Notte stellata, 1889
New York, Museum of Modern Art

.

.

ANNE SEXTON

LA NOTTE STELLATA

Ciò non mi protegge dall’avere un terribile bisogno di − pronuncerò questa parola − religione. Allora vado fuori la notte a dipingere le stelle.
Vincent Van Gogh, da una lettera al fratello

La città non esiste
se non dove un albero dai capelli
neri scivola via, come una donna
annegata nel cielo caldo. Tace,
la città. Bolle la notte, con dieci
e una stella. Oh notte stellata,
stellata notte! È così che voglio
morire.

Si muove. Sono tutti quanti vivi.
Quando la luna rompe le catene
arancioni che la legano e spruzza
bambini dai suoi occhi, come un dio,
il vecchio serpente, senza esser visto
divora le stelle. Oh stellata notte,
notte stellata! È così che voglio
morire:

in questa strisciante bestia notturna,
risucchiata tutta dentro nel grande
drago, separata
dalla mia vita senza una bandiera,
senza pancia
né grido.

(da L’estrosa abbondanza, Crocetti, 1977-
Traduzione di Antonello Satta Centanin)


da L

1 commento:

Adriana Pitacco ha detto...

Il connubio tra il meraviglioso dipinto di Vincent Van Gogh e questa poesia è a dir poco sublime!
Quale incanto di verità nascoste
Adriana Pitacco